Il concetto di Art brut è stato inventato nel 1945 dal pittore francese Jean Dubuffet per indicare le produzioni artistiche realizzate da non professionisti o pensionanti dell'ospedale psichiatrico che operano al di fuori delle norme estetiche convenzionali (autodidatti, psicotici, prigionieri, persone completamente digiune di cultura artistica). Egli intendeva, in tal modo, definire un'arte spontanea, senza pretese culturali e senza alcuna riflessione.

 

ART BRUT 22 è un "movimento" nato nell'ambito del Centro Diurno Psichiatrico PHOENIX di Rutigliano e si pone l'obiettivo di:

 - ricercare e far conoscere le produzioni artistiche nate in ambiente riabilitativo;

 - promuovere le opere e vendelre;

 - realizzare iniziative di "arte pubblica" che coniughino le sensibilità degli artisti ai bisogni sociali e al cambiamento del territorio. 

 

Per sintetizzare la nostra filosofia riportiamo uno scritto di Michel Foucault:

"In breve, mi piacerebbe che un libro/quadro non si assegnasse da sé quello statuto di testo cui la pedagogia o la critica sapranno ricondurlo; ma che avesse la scioltezza di presentarsi come discorso: battaglia e, insieme, arma, strategia e urto, lotta e trofeo o ferita"

 

DON MIGUEL 

Michele De Marino nato a Putignano il nel 1966 da una famiglia modesta, é il più grande di sette figli. Finiti gli studi di licenza media inferiore si avvicina alla pittura. Dal 1990 sino al 2010 espone in diversi luoghi della Puglia. I suoi quadri sono in diversi luoghi del mondo, Germania, Usa, Francia, Italia. Dal 2005 ha ripreso gli studi da disegnatore meccanico. Si è diplomato nel 2011 e ha conseguito la qualifica di Operatore Socio Sanitario. 

> Scarica il book < 

 

PASQUALE RUBINO

Direttore/responsabile del Gruppo PHOENIX, Ente gestore di strutture Riabilitative psichiatriche. Rubino mescola la sua passione artistica con il suo lavoro nell’ambito della riabilitazione psichiatrica.Opera in un luogo fisico e mentale dove ossessioni e slanci liberatori sono elaborati con l’aiuto di attivita` espressive e quindi attraverso il cinema, la pittura, la musica, il teatro. Da questo luogo, chiamato “comunita` terapeutica”, nascono le sue opere.

> Scarica il book <